Bajardo Bussana Vecchia, un salto nel passato dove il tempo si è fermato il 23 Febbraio 1887

Bajardo Bussana

Bajardo Bussana, due comuni imperiesi testimonianze del terribile sisma. Il 23 febbraio 1887 un catastrofico terremoto colpì il Ponente ligure, con danni estesi ancora a zone distanti dall’epicentro, localizzato tra Oneglia e Diano Marina.  Precedute da «un rombo somigliante al rumore prodotto da una forte aspirazione di un lungo e alto camino …» le scosse furono più d’una: due a breve distanza una dall’altra ed una terza alcune ore dopo. La prima, alle ore 6,25, ondulatoria, colpì in prevalenza gli edifici ad ampia capienza, quali le chiese che a quell’ora e in quel primo mercoledì di quaresima erano gremite di fedeli andati a ricevere le “Ceneri”. La seconda scossa, sussultoria, ed una terza, dal movimento vorticoso, avvenuta circa tre ore dopo, compirono l’opera di devastazione.
Poiché gli strumenti dell’Osservatorio di Porto Maurizio furono tanto danneggiati da uscire subito fuori scala, non abbiamo nessun dato certo sul movimento tellurico nella zona epicentrale. Questi, pertanto, vennero forniti dal grande sismografo del sistema Cecchi dell’Osservatorio di Moncalieri che rivelò, in modo dettagliato, le varie fasi della scossa, l’intensità del sisma (fra 1’8° e il 10° della scala Mercalli) e la durata (dai 25 ai 40 secondi). A Diano Marina, la città più colpita vi furono più di 500 vittime.  Bajardo e Bussana … Particolarmente colpita Bajardo, dove ben 226 persone persero la vita, di cui 202 travolte dal crollo della chiesa parrocchiale di San Nicolò che andò in rovina alla prima scossa. Bussana rovinò alla seconda scossa, molti degli abitanti si trovavano nella chiesa parrocchiale. Il crollo di una parete di fronte alla facciata della chiesa avvertì la congregazione del pericolo e in molti cercarono rifugio nelle cappelle laterali, ma un’ altra scossa sussultoria fece crollare il pesante tetto della chiesa travolgendo nel crollo 55 persone, e la quasi totalità delle abitazioni della parte alta del villaggio vengono distrutte, seppellendo centinaia di persone..

Il reportage che segue, effettuato a Bajardo  Bussana Vecchia evidenzia quanto fu devastante questo evento.

Bajardo Bussana  Imperia Liguria Italy

Bajardo, panorama sul borgo

bajardo bussana

Bajardo, i resti dell’antica chiesa parrocchiale San Nicolò

bajardo bussana

Bajardo, la scalinata della parrocchiale

bajardo bussana

Bajardo, i pochi resti della fortificazione medievale

 Bajardo Bussana Imperia Liguria Italy

Bajardo, l’interno della chiesa raggi di sole che penetrano attraverso il rosone della facciata dell’ ingresso

croce sull'altare della chiesa di san Nicolò Bajardo Imperia Liguria Italy

Bajardo, croce sull’altare della chiesa di san Nicolò

chiesa di san Nicolò Bajardo Imperia Liguria Italy

un angolo della chiesa

chiesa di san Nicolò Bajardo Imperia Liguria Italy

Bajardo, la cappella laterale e l’accesso al campanile

chiesa di san Nicolò Bajardo Imperia Liguria Italy

Bajardo, entrando in chiesa

chiesa di san Nicolò Bajardo Imperia Liguria Italy

Bajardo, la facciata della chiesa col suo portale

Bussana Vecchia Imperia Liguria Italy

Bussana Vecchia, panorama

Oratorio Bussana Vecchia Imperia Liguria Italy

Bussana Vecchia, oratorio di San Giovanni Battista

Oratorio Bussana Vecchia Imperia Liguria Italy

Bussana Vecchia, l’interno dell’oratorio di San Giovanni Battista

 il cuore di Bussana Vecchia Imperia Liguria Italy

Bussana Vecchia, il cuore di rampicanti

il campanile della chiesa parrocchiale di Bussana Vecchia Imperia Liguria Italy

Bussana Vecchia, il campanile della chiesa parrocchiale

l'interno della chiesa di Sant' Egidio Bajardo  Bussana Vecchia Imperia Liguria Italy

Bussana Vecchia, l’interno della chiesa di Sant’ Egidio

Bajardo  Bussana Vecchia Imperia Liguria Italy

Bussana Vecchia, nei pressi della chiesa di Sant’ Egidio

il borgo visto dal sagrato della chiesa Bajardo  Bussana Vecchia Imperia Liguria Italy

Bussana Vecchia, il borgo visto dal sagrato della chiesa

 

2 thoughts on “Bajardo Bussana Vecchia, un salto nel passato dove il tempo si è fermato il 23 Febbraio 1887

  1. Sybille Tanzel il said:

    Herzlichen Glückwunsch für die Geschichte, bin ich oft im Urlaub in Imperia, jetzt mehr schöne Fotos zu ergreifen, um Ihre Freunde, auf Wiedersehen zeigen