Fiume Tanaro

Fiume Tanaro
Fiume Tanaro

 

Queste fotografie sono state scattate lungo il fiume Tanaro nel tratto che da Ponte di Nava arriva allo sbarramento della centrale elettrica, zona facilmente accessibile e ricca di aree per la sosta e per il pic-nic.

Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy

Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy

Il Tanaro nasce all’estremità meridionale del Piemonte sul confine con la Liguria dalle Alpi Liguri e precisamente dal Monte Saccarello (2201 m) con il nome di Tanarello; inizialmente scorre per una decina di km, di cui i primi 4 km in territorio piemontese ed i restanti in territorio ligure (comune di Cosio di Arroscia), in una valle dai connotati tipicamente alpini giungendo poi 4 km a monte dell’abitato di Ponte di Nava (frazione di Ormea) dove riceve da sinistra l’apporto del Negrone, torrente che nasce invece dalla Punta Marguareis (2651 m) in territorio piemontese. Del Negrone occorre ricordare la caratteristica di alcune risorgenze ai piedi del massiccio carsico del Marguareis-Mongioie, dove in dedali di gallerie e cunicoli si raccoglie l’acqua piovana, che poi sgorga con cascate imponenti nella gola delle Fascette e dalle Vene del Tanaro.
Da questa confluenza il fiume raddoppia di dimensioni e cambia nome diventando Tanaro, dirigendosi così verso nord-est come spumeggiante torrente alpino in una valle stretta e boscosa e fungendo per alcuni km da confine tra Piemonte e Liguria. Una volta bagnato l’abitato di Ponte di Nava e ricevuto da destra il Rio Nava, il fiume entra definitivamente in territorio piemontese giungendo presso Ormea dove riceve vari affluenti come il Rio Chiappino o il torrente Armella, che nasce dal lago del Pizzo d’Ormea. La portata d’acqua in questo tratto subisce alcuni cali a causa di prelievi artificiali (la media annua è di circa 6,9 m³/s) Più a valle, dopo aver bagnato il comune di Garessio ricevendo rispettivamente da sinistra il Rio Inferno e il Rio Luvia e da destra il Rio Bianco e il Rio Malsangua che vi sfocia fra due ponti, quello di metà Ottocento in mattoni rossi («scorticato» dall’alluvione del novembre 1994 ma non distrutto) e quello di fine Novecento dell’Amitiè (travolto dalle acque e rifatto con imposta d’arco più alta), il fiume prende poi a scorrere per qualche chilometro in un’ampia conca pianeggiante contornata dalle cime delle Alpi Liguri raggiungendo in breve il comune di Priola e poi quello di Bagnasco dove un suggestivo ponte medievale di pietra lo scavalca …(ulteriori notizie qui!)

Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
Fiume Tanaro
Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
Fiume Tanaro Valtanaro
Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
Fiume Tanaro Valtanaro
Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
long esposure
Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
lunghe esposizioni

Fiume Tanaro

Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
 Tanarello Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
lunghe esposizioni
Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
lunghe esposizioni

Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy Fiume Tanaro Tanarello Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy

Centrale Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
Centrale
Centrale Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
Centrale
Centrale Fiume Tanaro Valtanaro Ormea Cuneo Italy
Centrale Fiume

 

Precedente Scorci di Genova Successivo Pamparato, fiera del grano saraceno e della castagna bianca

Lascia un commento

*