Giugiaro e il suo percorso

IL MAUTO CELEBRA IL GENIO CREATIVO DI GIORGETTO GIUGIARO

Dal 25 novembre 2016 al 26 febbraio 2017 presso il Museo dell’automobile di Torino (MAUTO) è possibile visitare un’inedita esposizione che  racconta il percorso umano e artistico del “Car Designer del secolo” Giorgetto Giugiaro attraverso le sue auto più iconiche, dipinti e bozzetti.
giugiaro-e-il-suo-percorso-2016-2017
Giugiaro e il suo percorso

Ho avuto il piacere di offrire il mio contributo a questo straordinario evento fornendo la foto di Garessio, paese in cui il design è nato.

Piazza S. Giovanni Battista con l'omonima chiesa, Palazzo Giugiaro a destra e a sinistra la casa dove Giorgetto Giugiaro è nato
Piazza S. Giovanni Battista con l’omonima chiesa, Palazzo Giugiaro a destra e a sinistra la casa dove Giorgetto Giugiaro è nato

Il 24 Novembre si è tenuta la cerimonia di inaugurazione della mostra ed ho avuto l’onore di conoscere Giuliano Molineri, uno dei curatori della mostra e, naturalmente, Giorgetto Giugiaro

Giuliano Molineri, Giorgetto Giugiaro e Danilo De Lorenzis
Giuliano Molineri, Giorgetto Giugiaro e Danilo De Lorenzis

 

Presentazione della mostra "Giugiaro e il suo percorso"
Presentazione della mostra “Giugiaro e il suo percorso”

Tutto è inziato con il discorso di presentazione dei vari relatori: Benedetto Camerana (presidente del Museo Nazionale dell’Automobile), Rodolfo Gaffino Rossi (direttore del Museo Nazionale dell’Automobile), Giosuè Boetto Cohen (curatore della mostra, regista e giornalista del Corriere della Sera), Giuliano Molineri (curatore della mostra e autore di saggi sull’automobile e il design), Alberto Sacco (assessore comune di Torino), Giovanni Maria Ferraris (assessore regionale Piemonte) e, ovviamente, Giorgetto Giugiaro.

Al termine della presentazione c’è stato il taglio del nastro

Taglio del nastro
Taglio del nastro (foto prelevata dalla pagina Facebook del MAUTO)

Accompagnati dall’illustre oratore Giugiaro, abbiamo potuto ammirare l’allestimento espositivo suddiviso in dieci sezioni.

Il primo impatto con il padiglione espositivo: una ricostruzione di un prototipo
Il primo impatto con il padiglione espositivo: una ricostruzione di un prototipo
Museo dell'auto Torino -MAUTO
Museo dell’auto Torino, le varie sezioni in cui è divisa l’esposizione”

La prima sezione è quella in cui viene descritto il luogo di origine di Giugiaro ovvero Garessio

seguono le sezioni Generazioni, Grammatica, i suoi dipinti e le sue frequentazioni scolastiche, una in particolare la scuola di figurinismo (quarta sezione) creata a Torino da Eugenio Colmo in arte Golia, inediti bozzetti giovanili, dipinti a olio e caricature di personaggi famosi fino ai primi figurini di automobili.

Si prosegue attraversando le varie sezioni  Giacosa, Ghiribizzi, Guru, Ginevra ’63, Gallery e Genetica, ovvero aree tematiche che raccontano gli anni passati da apprendista nel Centro Stile Fiat e i primi modelli disegnati per la carrozzeria Bertone per arrivare all’impresa di Italdesign. Non manca una teca con i numerosi riconoscimenti ricevuti da Giugiaro nel corso della sua lunga attività: tre lauree ad honorem, il Compasso d’Oro alla carriera (1984) e altri quattro Compassi d’Oro per Panda (1981), Punto (1994), Alfa Romeo Brera (2004) e molti altri.

Tutto questo percorso lo si fa incontrando una rassegna di modelli, pensati e realizzati da Giugiaro, che hanno fatto la storia dell’automobile prodotte in serie: Alfa Romeo 2000Sprint (Bertone, 1960), Volkswagen Golf (Italdesign, 1974), Fiat Panda (Italdesign, 1980), Maserati Ghibli (Ghia, 1966). Non mancano alcuni rarissimi prototipi realizzati come la Ferrari GG50, l’Alfa Romeo Brera,la Brivido, la Bugatti EB 112, il Modello di Ricerca GT, e per finire la De Lorean DMC 12 ovvero la famosa macchina del tempo del film “Ritorno al futuro”!

Al termine della visita ci è stato offerto un ricco buffet dove chi ha osato ha potuto incontrare, strappando anche un autografo o una foto, il disegnatore Giorgio Forattini, il maestro Ezio GribaudoDaniel McVicar e altre numerose celebrità che hanno partecipato all’inaugurazione.

Il Museo dell’Automobile di Torino è in Corso Unità d’Italia numero 40.

E’ aperto tutti i giorni della settimana, ma con orari differenti: lunedì dalle 10 alle 14, martedì dalle 14 alle 19, mercoledì, giovedì e domenica dalle ore 10 alle 19, venerdì e sabato dalle 10 alle 21. Il biglietto intero d’ingresso al Mauto costa 12 euro, mentre quello ridotto 8.

Ulteriori info: Museo dell’Automobile di Torino

 

 

Precedente Colori autunnali Successivo Civezza, le mie origini

Lascia un commento

*