Passo delle Fascette, Vallone del Carnino e Valle delle Fuse

Questa volta son andato a fotografare Il Passo delle Fascette, uno spettacolare canyon scavato nelle rocce carsiche dalle acque del torrente Negrone e del rio Nivorina ricco di grotte, meta di numerosi speleologi.

Particolari rocce che sovrastano la strada del Passo delle Fascette
Particolari rocce che sovrastano la strada del Passo delle Fascette

Per raggiungere questo spettacolare luogo ho percorso la strada che da Ponti di Nava, passando per Viozene, conduce ad Upega. Il primo tratto segue il corso del fiume Tanaro fino ad arrivare alla confluenza dei due corsi d’acqua Tanarello e Negrone insieme danno origine appunto al fiume Tanaro dopodiché inizia la salita fino ad arrivare a Viozene. Poche centinaia di metri prima di raggiungere l’abitato mi sono fermato a scattare un paio di foto alla piccola cascata del Rio Bianco

Rio Re Bianco, lungo la strada per Viozene
Rio Re Bianco, lungo la strada per Viozene
Rio Re Bianco, lungo la strada per Viozene
Rio Re Bianco, lungo la strada per Viozene

e alle porte del borgo ho immortalato l’imponente gruppo montuoso del Mongioie che domina la valle.

Viozene, Ormea sormonatata dai monti del Mongioie
Viozene, Ormea sormonatata dai monti del Mongioie

Al bivio della borgata Mussi ho effettuato un’altra piccola tappa per fotografare la Sorgente Vastera

Val Tanaro 00010
Val Tanaro 00009
Valtanaro, Ormea, Cuneo, Piemonte

Dopo un chilometro e mezzo incontro un altro corso d’acqua che ovviamente ho voluto fotografare. Si tratta della rio della Valle delle Fuse, chiamato comunemente le Vene del Tanaro, corso d’acqua molto frequentato dagli appassionati di canyoning. Non essendo attrezzato ho potuto scattare solo alcune foto nei pressi della strada, ma ho intenzione di tornarci per raggiungere una cascata, situata più a monte, che ho intravisto!

Val Tanaro 00019
Val Tanaro 00016
Valtanaro, Ormea, Cuneo, Piemonte
Val Tanaro 00017
Val Tanaro 00011
Valtanaro, Ormea, Cuneo, Piemonte
Val Tanaro 00013

Ripresa la marcia ecco che lo scenario cambia drasticamente: la strada inizia a mostrare la sua bellezza con il suo tracciato scavato nella roccia sormontata da imponenti massicci granitici.

La Rocca del Ferà
La Rocca del Ferà

Val Tanaro 00021
Val Tanaro 00023
Val Tanaro 00020
Val Tanaro 00024
Val Tanaro 00025

Molti tratti sono stati coperti artificialmente per riparare la carreggiata dai numerosi distacchi di parti rocciose dalle pareti,

Il canyon del Passo delle Fascette, Upega
Il canyon del Passo delle Fascette, Upega

c’è anche una bella galleria scavata nella roccia sotto la quale vi è una nicchia contenente una statua della Vergine Maria, ma da alcuni anni chiusa e sostituita con un’altra galleria di recente costruzione.

Upega, Passo delle Fascette
Upega, Passo delle Fascette

Ancora poca strada ed eccomi arrivato alla Gola delle Fascette, parcheggio e mi incammino per imboccare il ripido e scivoloso sentiero che, come indicato sulla targa posta sulla provinciale, presenta una difficoltà di livello EE

Coperture metalliche della strada del Passo delle Fascette e cartello che indica il sentiero
Coperture metalliche della strada del Passo delle Fascette e cartello che indica il sentiero

Con molta cautela lo percorro fino ad arrivare in fondo alla gola dove un piccolo ponte di legno mi permette di attraversarla.

Il sentiero che porta in fondo alla Gola delle Fascette
Il sentiero che porta in fondo alla Gola delle Fascette

Le marmitte del Negrone sono quasi asciutte e, complice il freddo, il Garb d’la Fus è contornato da stalattiti e stalagmiti d’acqua gelata!

Val Tanaro 00049
Valtanaro, Ormea, Cuneo, Piemonte
Val Tanaro 00032
Val Tanaro 00042
Val Tanaro 00039
Valtanaro, Ormea, Cuneo, Piemonte
Val Tanaro 00031
Val Tanaro 00034
Val Tanaro 00029
Val Tanaro 00033
Da sopra il pontino, anche se con un freddo “becco” mi posiziono per fotografare le pareti dell’abisso e in particolare la Giassera di Upega,una parte de ghiaccio frequentata da molti alpinisti che la utilizzano come palestra.

Giassera di Upega, nella Gola delle Fascette
Giassera di Upega, nella Gola delle Fascette

Purtroppo a causa delle rare piogge di quest’anno la Giassera è davvero ridottissima ma per me lo spettacolo che ho davanti è davvero splendido.

Valtanaro, Ormea, Cuneo, Piemonte
Valtanaro, Ormea, Cuneo, Piemonte
Val Tanaro 00041
Giassera di Upega, nella Gola delle Fascette
Giassera di Upega, nella Gola delle Fascette

Particolare anche il vecchio sentiero scavato nella parete destra della gola, sentiero che fino ai primi anni cinquanta era la via d’accesso per raggiungere Upega. Alcuni tratti di questo sentiero sono ferrati e di conseguenza percorribili solo con le specifiche dotazioni alpinistiche.

Val Tanaro 00048
Valtanaro, Ormea, Cuneo, Piemonte
Val Tanaro 00033

Ripreso l’auto ho fatto una tappa ad Upega dalla chiesetta della Madonna della Neve

Madonna della Neve circondata dai fiori, Upega
Madonna della Neve circondata dai fiori, Upega
Upega, chiesetta della Madonna della Neve
Upega, chiesetta della Madonna della Neve

ed infine sono tornato indietro verso casa facendo una piccola deviazione per andare a mangiare un paio di panini nell’area di ristoro situata lungo il Vallone del Carnino,

Luci e ombre nel Vallone del Carnino
Luci e ombre nel Vallone del Carnino

dove, visto lo spettacolare gioco di luci ed ombre che mi si è presentato, non ho esitato a fare qualche altra foto lungo il torrente!

Val Tanaro 00069
Val Tanaro 00068
Val Tanaro 00067
Val Tanaro 00066
Val Tanaro 00065
Val Tanaro 00058
Val Tanaro 00059
Val Tanaro 00060
Val Tanaro 00061
Val Tanaro 00064
Val Tanaro 00057
Val Tanaro 00056
Val Tanaro 00055
Val Tanaro 00054
Val Tanaro 00053
Val Tanaro 00052
Precedente Monte Saccarello e Redentore Successivo Corsica vista dall'Italia

3 thoughts on “Passo delle Fascette, Vallone del Carnino e Valle delle Fuse

  1. Ciao Dario, ho guardato l’immagine potrebbe essere proprio la Gola delle Fascette vista da monte verso valle con il Garb d’la Fus sulla destra, anche se in questo punto il corso d’acqua si chiama Negrone, mentre il Tanaro inizia alla confluenza dei torrenti Tanarello e Negrone dopo la centrale elettrica!

Lascia un commento

*